il marchio

Il marchio

Il progetto TILT si trasforma in marchio.

TILT è un progetto che nasce con lo scopo di diffondere i principi della responsabilità sociale di impresa, dell’etica del lavoro e della rigenerazione ambientale, puntando principalmente sui giovani, sulla loro formazione e il loro orientamento nel mondo del lavoro. TILTparte da un presupposto: i giovani sono spesso considerati “un peso” per le imprese, perché privi di quel know-how, di quelle skill necessarie per massimizzare il profitto, che, tuttavia, solo l’esperienza lavorativa permette di conquistare in un lasso di tempo, più o meno lungo. Il Progetto TILTnasce, quindi, in controtendenza: i giovani vengono considerati una risorsa, perché donano alle imprese un valore aggiunto, in termini di flessibilità, di creatività e di apertura al nuovo e al bello.

Queste loro caratteristiche vengono quindi combinate, matchate, con l’attività tipica di impresa. Per raggiungere tale scopo, il progetto TILT si trasforma in marchio. Diventando“un TILT”, l’impresa aderente, accanto al proprio specifico core business, assume ulteriori e inderogabili mission: l’integrazione dei giovani nell’attività di impresa e la loro formazione; il finanziamento e la sponsorizzazione di iniziative culturali e formative; l’incentivo monetario, e non solo, alla creazione di start-up innovative; l’attenzione all’ambiente in termini di rigenerazione urbana e riqualificazione delle strutture urbane esistenti.

A chi è rivolto?
TILT è rivolto alle piccole e medie imprese, alle grandi aziende, agli enti e associazioni no profit, ai liberi professionisti e a tutti coloro che, nell’ambito della propria attività, intendono promuovere un’idea sociale di imprenditoria.

TILT è, cioè, rivolto a chi vuole andare al di là della ricerca del puro profitto aziendale, per realizzare un’impresa, sì, redditizia, ma con coscienza, etica e responsabilità.

Perché essere un TILT?

Essere un TILTè sinonimo di solidarietà umana e sociale. È sinonimo di innovazione, di attenzione all’ambiente e al futuro giovanile. Essere un TILTsignifica radicalizzarsi nel territorio: tutto ciò che il territorio stesso può offrire, in termini di risorse umane, di conoscenze, di caratteristiche, di cultura, viene assorbito dalle imprese per essere, poi, “restituito al mittente”, al generatore di quella ricchezza. E la restituzione avviene in termini di impegno e di dedizione al cittadino e al sociale. Aderire al marchio TILTsignifica, allora, essere un TILT. Significa aderire, diffondere e attuare gli ideali del progetto. Significa garantire anche, e forse soprattutto, agli stakeholders che quell’impresa è differente, che quell’impresa opera con responsabilità e solidarietà, che quell’impresa punta sui giovani, considerandoli risorsa aggiuntiva, preziosa e imprescindibile. In un mondo così globalizzato e così competitivo, è la creatività a fare la differenza; è il ritorno al giusto e al bello che permette all’impresa di sopravvivere e di distinguersi dagli altri competitors. La responsabilità sociale che caratterizza i TILTdiventa, conseguentemente, fonte di fiducia per i clienti e per gli eventuali investitori: essi sanno che stanno investendo o comunque si stanno interfacciando con un’impresa portatrice di valori, ulteriori e diversi, rispetto al mero raggiungimento di un profitto e di un utile.

Il perfetto TILT

T

1. TUTELARE l’ambiente

La realizzazione di un’impresa sociale richiede coerenza tra la struttura interna e la struttura esterna. La tutela dell’ambiente riceve nel progetto TILT una lettura nuova: non solo in termini di ecosostenibilità, ma si va oltre, ponendo l’attenzione sulla cura del quartiere, dei luoghi frequentati dall’impresa. Un perfetto TILT, allora, avrà cura dell’ambiente intorno alla propria impresa, focalizzandosi non tanto sulla creazione ex novo, ma sulla rigenerazione urbana, sulla riqualificazione di ambienti abbandonati, volgendo lo sguardo alla creazione del bello, dentro e fuori.

I

2. INVESTIRE nei giovani

L’obiettivo principale del TILT è quello di valorizzare l’apporto lavorativo e conoscitivo dei giovani, formandoli, orientandoli e dotandoli di quell’esperienza necessaria per essere “risorsa”. Un perfetto TILT si impegna a:

  • orientare i giovani, aiutandoli a individuare i settori in cui sono più inclini e produttivi;
  • “creare esperienza”,funzionando da acceleratori delle competenze necessarie per approcciarsi alle successive sfide lavorative con un background ricco e spendibile;
  • formare i giovaniinseriti nell’impresa, sia in termini di hard skill, implementando cioè le competenze tecnico-conoscitive, sia in termini di soft skill, incentivando lo sviluppo delle competenze interpersonali e comunicative;
L

3. LAVORARE al femminile

Per diffondere un’idea di imprenditoria sociale e responsabile, è necessario garantire la tutela delle donne lavoratrici, perché essere madre non può essere un limite all’essere lavoratrice. Un perfetto TILT deve quindi creare spazi “a misura di mamma”, sviluppare soluzioni di lavoro flessibili e garantire la serenità familiare, pur sincronizzandola con la produttività lavorativa.

T

4. TESTIMONIARE la funzione sociale ed etica dell’impresa

Un perfetto TILT dovrà, infine, utilizzare i valori del progetto come bussola per qualsiasi azione od operazione. Dovrà dimostrare la propria adesione al progetto quotidianamente, finanziando e sponsorizzando iniziative culturali, eventi, corsi di formazione e start-up innovative. Dovrà cioè essere testimone attivo e concreto.

Scarica il CODICE TILT in formato PDF